Chiesa-di-san-francesco-a-candelara

La Chiesa di San Francesco fu costruita nel 1356 su delle case di proprietà della Beata Michelina da Pesaro, francescana compatrona di Pesaro.
In origine il complesso architettonico comprendeva la Chiesa, la Sacrestia e il convento (crollato probabilmente alla fine del XIX secolo). Della struttura architettonica originaria non ci sono documenti. Attualmente la Chiesa è un’aula rettangolare a navata unica, scandita in maniera atipica da quattro colonne che separano lo spazio in tre zone: l’ingresso, una zona centrale o transetto, e infine, rialzato da un gradino e separato da una balaustra in legno, il presbiterio. Dall’unica porta alla sinistra dell’altare si accede alla sacrestia, attraverso un vano situato direttamente sotto il campanile. L’ordine architettonico è riconducibile, se non per le proporzioni almeno per gli elementi utilizzati, ad un pseudo-corinzio con base attica. Il plinto sul quale appoggia la base è decorato con intonaci ad imitazione del marmo, come negli altari del transetto. Le pareti sono scandite da lesene che si susseguono a un ritmo relativamente regolare, ma diventano binate nel transetto. Gli intercolumni si ripetono simmetricamente sulle pareti e la decorazione si arricchisce di stucchi floreali nel transetto e nel presbiterio. A causa del crollo del tetto e del cedimento della parete nord, nel 1997 l’edificio è stato oggetto di un restauro strutturale, che ha evitato il crollo e il continuo attacco degli agenti atmosferici. Purtroppo, l’edificio si trova tuttora in uno stato di completo degrado.

VI PREGO VOTATELO! IL SITO È ORMAI PROSSIMO AL CROLLO

BASTA UN CLICK QUI PER VOTARE:

https://www.fondoambiente.it/luoghi/chiesa-di-san-francesco-a-candelara?ldc

2020